La ruota che gira

Sta cambiando ancora il tempo; temporali in arrivo sulla pianura padana. Ma é primavera e ci sta.

Da oggi cambiano anche “i tempi”. La zona gialla, un po’ in tutto il paese, permetterà di fare cose, mangiare cose e guardare cose che prima non si potevano.

Siamo messi così. Le piazze accennano qualche tumulto mentre il palazzo fa spallucce, che tanto a breve arriverà la “mancia” dall’Europa. L’Europa mi ricorda mia nonna quando mi metteva in mano cinquemila lire e mi diceva ” to’ mettili via” ed io due giorni dopo non ne avevo più neppure uno.

Sì perché i soldi devono ancora arrivare ma noi, a colpi di scostamento di bilancio, li abbiamo praticamente già spesi.

Lo chiamano piano per le generazioni future, ma andrebbe chiamato piano di indebitamento per le generazioni future, che ci malediranno.

Pure io sto maledicendo le generazioni che mi hanno preceduto. É una ruota che gira. Ma gira male.

Nel mio quartiere l’anno scorso sono nati 6 bambini e sono morti in 56.

Tra poco la ruota non girerà più.

H.V.

3 pensieri riguardo “La ruota che gira

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...