Storie brevi per criceti 8#: il fantasma

Il signor Mario era l’uomo più gentile del palazzo. Quand’ero piccolo, incrociandomi sulle scale o giù in giardino, mi dava sempre una caramella e sorridendo mi spettinava i capelli con la sua mano da vecchio contadino.

Quando scesi al primo piano a fargli visita, anche disteso nella bara, pareva sorridere.

Due giorni dopo la sua morte, durante la versione di latino, guardando fuori dalla finestra, mi era parso di vederlo passeggiare in strada. Quella mattina ero certo di non aver fatto una buona traduzione.

Poi di notte sognai il signor Mario che correggeva il mio compito in classe seduto da solo in aula professori.

Per quel compito arrivai inaspettatamente al 6.

Ancora oggi credo che il signor Mario, da giovane, abbia studiato latino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...