Un anno

Di quest’anno rimangono

smunti fantasmi stesi

come inutili panni

zuppi di pianti,

silenzi ed affanni.


(Ho rimosso tutto il vissuto di quei giorni morti,

uguali al niente che é stato.

Ancora oggi, addormentato dagli avvenimenti tragici,

luttuosi, come stordito, fatico a trovare ore liete,

bottiglie saporite.

Gli entusiasmi che creavano attori,

lo spettacolo ch’ero, ch’eravamo,

non apre il sipario, ha spento i riflettori).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...