Educazione sessuale

Tra i tanti “sciupafemmine” del Bar Sport un ruolo particolare occupava il Bartezzaghi, che di battesimo faceva Lilliput per via che il sacerdote, figlio di contadini di ampia vanga, lo teneva racchiuso in una sola mano. Insomma, era piccolo piccolino picciò. Al prete glii passò il ghiribizzo d’insegnargli a nuotare già nella fonte battesimale. Di tanta lungimiranza fu ricompensato poiché il soggetto, crescendo, non trascurava una gara, soprattutto nuoto femminile. Era il tempo delle Olimpiadi di Roma e la televisione qualche cosina faceva vedere, lasciando però ampio spazio all’immaginazione. Bisogna capirlo, ché a quei tempi le ragazze in costume da bagno le vedevi soltanto al Lido dell’Idroscalo, dove però per entrare si doveva pagare il biglietto. Un particolare attrasse la sua attenzione: i nuotatori americani e australiani sembravano tutti quanti ben sistemati. Forse un po’ troppo. Sarà stato per la statura?

Adesso cambiamo registro per un attimo poiché sempre in quei giorni gli capitò tra le mani un libro strano, “Morte nel pomeriggio”, sconsigliato agli adolescenti. E lì scoprì due cose: la prima era che gli spagnoli non erano tanto più alti di lui; la seconda che los ombres de la corrida avevano tutti, indistintamente, un “pacco” della madonna.

Hai capito tè quei furbacchioni?!

Lilliput, che era tutto in miniatura, per altro perfetta, iniziò a truccarsi con una protesi raccogliticcia: il fazzoletto dentro le mutande: cazzo, se lo fanno i toreri lo faccio anch’io. Ma siccome al Bar Sport ormai lo facevano tutti, l’insolita protuberanza non venne notata. Come tutti gli sbarbatelli alle prime armi, amava esagerare e quando dal cassettone scomparve un lenzuolo da una piazza alla madre girarono la balle. Lo prese per l’orecchio e con uno strappone da manovale lo trascinò in cucina: “Amore ti devo parlare…” A suon di ceffoni, ma con pazienza, gli spiegò la differenza che passa tra un maschietto ben munito e un’esagerata testa di cazzo. “Amore, siccome non hai l’orchite adesso mi rendi il lenzuolo altrimenti, da subito, andrai in giro con le mutandine di tua sorella e le tue cosine te le taglio e le do da mangiare al gatto.

Non c’è che dire, le mamme di una volta sapevano essere chiare, “evirantemente” persuasive e “circoncise”.

 

Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...