Parallelismi (terza serie) 9#

minia kubo

(Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale)

 

Nono capitolo

 

A capodanno i carroarmati invasero San Juan. Dalla città fortificata partirono fuochi d’artificio. Calvo Pepàsh indossò il suo basco rosso e si mise al detonatore. Le amazzoni, capeggiate dalla Lola, a cavallo di tori da monta vennero giù dalla collina cavalcando a pelo. Hunter armato di archibugio seguito da un manipolo di valorosi contadini presidiava la barricata all’ingresso della città; la signorina Rapa e Barosi erano a guardia della polveriera. Focosi com’erano c’era più di un rischio che tutta la baia saltasse per aria.

para 3 9

Nel frattempo a più di 7000 chilometri dai Caraibi la zia Carla, visto l’arrivo della polizia si era data alla fuga e si era diretta verso la tisaneria dove il suo pronipote Luck con la complicità del piccione Ak47 avevano messo su un bel giro del fumo.

A poche ore di cammino dalla “Nonnina che ride”, presso il supermercato Laid, proprio mentre le maestranze stavano per accettare anche l’invasione della Polonia, la signora Antonietta spiazzò tutti inserendo la richiesta numero 5: doveva essere certificato dall’ONU il terrapiattismo.

Ora il piano della scaffalista era finalmente chiaro; il cecchino Lando ne prese atto e si accese una sigaretta. La cosa sarebbe andata per le lunghe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...