Non dategli da bere, è molesto

Immagine

Non credo in un’altra vita dopo la morte e non sento il bisogno di spiegarne le ragioni. È così e punto. Se così non dovesse essere, beh, allora saranno soltanto cazzi miei.

Puntuale si presenta almeno una contraddizione, poiché a me piace un po’ divagare. Poniamo il caso che la trascendenza abbia ragione: ne verrebbe fuori un bel casino. Per esempio: i morti potrebbero provare nostalgia? E di che cosa, visto che il regno dei cieli assicura la pace eterna dello spirito?

Certo, esisterebbe anche la Gheenna, dove sarebbe inutile pentirsi poiché cosi è stato stabilito, anche se per quest’ultima destinazione abbiamo fiducia: basterebbe pentirsi.

E ora pensiamo al nostro morto di cui abbiamo certezza: o imputridisce sotto terra oppure è stato cremato. Nell’uno come nell’altro caso non c’è più. Però potrebbe succedere che venga ricordato dai rimasti, i vivi, che sono esseri instabili ma anche destabilizzanti.

A questo punto, se una persona è studiosa di storia, rischia veramente di creare uno sconvolgimento cosmico oppure tellurico (vedete voi).

Giunti a questo punto è lecita, legittima, una domanda: se i morti provassero nostalgia, o forse sentimenti biechi, noi vivi saremmo al sicuro?

Calvo Pepàsh

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...