Hunter Viniskia

cropped-istantanea-1-14-09-2016-16-18.png

 

“Hunter credo esista solo nelle leggende. Non l’ho mai visto di persona. I racconti o le vignette che realizzo per il suo blog Sussukandom li lascio dentro a delle buste in un parco, ogni volta diverso, del Nord Italia. Una mattina sono rimasto li per qualche ora dopo aver depositato il racconto ed ho visto una mano pelosa prelevare il materiale. Hunter sta tirando su un blog coi controcazzi ragazzi. Vivendo in un parco. Con le mani pelose”. (D Controversy)

” Mio cugino è un genio, ma è sempre stato anche una gran testa di cazzo”. (Pino Delirio)

” Andavamo a ragazze insieme; mi ha sempre lasciato quelle brutte……Infatti non mi sono ancora accoppiato”. (G.R. Debordi)

” Quando gli mando qualcosa per il blog, non mi risponde mai. Però è l’unico che ha avuto il coraggio di pubblicare tutto quello che scrivo. Non ho ancora capito se è un pazzo o se deve semplicemente intasare il blog come se non ci fosse un domani; a volte penso che SussuKandom sia il suo WC “. (Kubo)

“Ci siamo conosciuti ad una gara di bevute clandestine in una pausa di una riunione degli alcolisti anonimi tra aneddoti e giornalismo Gonzo. Fu l’ultima volta che lo vidi. Da allora mi arrivano criptiche cartoline dal Sud America”. (Hank Cignatta)

” Io e Viniskia ci conosciamo da sempre, anche se lui non lo sa. Quando beviamo insieme, senza limiti, senza pensare al dopo, diventiamo la stessa persona ed allora, a volte, può succedere che accadano anche miracoli” (Joseph Purple)

“Ho conosciuto il soggetto in questione ai tempi della Legione straniera, anche se allora si faceva chiamare in un altro modo, mi pare Fivestars o qualcosa del genere. Diceva di essere scappato dalla Locanda del cauto cavallo, una specie di manicomio criminale per gaudenti mentali cronici. La sua specialità era quella di raddrizzare le banane e i torti: un corpo d’elite che si distinse in svariate missioni. Quando non infuriava la battaglia si arrangiava vendendo materiale pornografico ai commilitoni i quali, come sa chiunque abbia fatto il soldato, non disdegnavano qualche aiutino per placare i pruriti. Me ne sono servito anch’io, ma se il più vicino centro abitato distava circa 500 miglia dalla linea del fronte, capirete che cosa s’intende quando si dice che la carne è debole. Altro non saprei dirvi, se non che lo ritrovai poco tempo fa in questa piccola città di provincia. Credo che non abbia mai perso la sua antica inclinazione verso le sottane svolazzanti: infatti stava guardando il culo alle ragazze.

Di più non so.(Calvo Pepàsh)

 

La redazione

2 pensieri riguardo “Hunter Viniskia

  1. “E’ uno che nella vita prova tutto almeno una volta. Così una volta gli dissi: hai mai provato a prenderlo nel c**o? Lui mi disse di no. Io allora glielo consigliai. Una settimana dopo camminava tutto storto, ma non voleva più parlare di quella cosa… Un’altra volta gli ho detto: hai mai provato a fare il dittatore?, è figo. Mi disse che avrebbe provato. Sparì per mesi, anni. Quando lo rividi (e quella fu l’ultima volta) mi disse che avrebbe avuto tante cose da dirmi, ma dato che doveva andare urgentemente al gabinetto, e avrebbe fatto la grossa, ci saremmo parlati dopo. Attesi un’ora fremente fuori il suo cesso. A un certo punto gli andai a bussare, ma lui non mi rispose. Allora realizzai che non avevo sentito neppure tirare lo sciacquone. Buttai giù la porta. Il cesso era in condizioni perfette (tanto che sembrava che lo avesse appena lucidato). Le finestre erano tutte chiuse. Dando un’occhiata ai rubinetti mi resi conto che non erano stati utilizzati nelle ultime ore. A dire il vero in quel cesso tirato a lucido c’era solo una cosa che stonava: una macchiolina verdognola in un angoletto, con un odore mai sentito prima, molto speziato, che ricordava vagamente il muschio. In seguito, quando la polizia la esaminò, disse semplicemente che non sapeva cosa fosse, come a lasciar intendere che avesse potuto essere di un altro mondo…”
    Coulelavie

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: